INDIETRO

SISS

Notizie per gli utenti SISS

10 ottobre 2006

ENTRO VENERDI' 20 OTTOBRE

chi è interessato a delegare direttamente l'ASL per i rapporti economici con il provider deve darne comunicazione al distretto.

 

Con una lettera datata 2 ottobre (ma in realtà a molti ancora non recapitata) l' UO Attività amministrative correlata alle cure primarie dell'ASL chiede che entro il 20 ottobre i MMG e i PLS aderenti al SISS che desiderano che la fatturazione e il pagamento della quota per il provider venga gestita senza il coinvolgimento del Medico ne facciano comunicazione con l'apposito modulo al distretto di appartenenza.

 


 

Mercoledì 21 giugno 2006 alle ore 20,45 presso l'Hotel Esperia di Rho, incontro con la BCS. 

I Colleghi aderenti al SISS che hanno scelto questo Povider (BCS) sono invitati a partecipare per chiarire i numerosi problemi sorti negli ultimi mesi con la suddetta Società di servizi. 


18/05/2006

AGGIORNAMENTO SU PROBLEMATICHE E PROSPETTIVE DEL SISS 

Il 18 maggio si è tenuto A Garbagnate uno stimolante incontro serale organizzato dall’Associazione Medici Groane per fare un po’ il punto sul SISS a due anni dal via.

Ha aperto i lavori, inatteso, il dr. Beghi che ha voluto portare ai Colleghi presenti (numerosi erano i rappresentanti della nostra Associazione) la consapevolezza che molti degli scogli contro i quali si sono scontrati i Medici aderenti al SISS dipendono dal necessario rodaggio dell’intero sistema.

In tal senso a nome dell’ASL il dr. Beghi ha manifestato l’intenzione in sede di conguaglio delle quote spettanti di tenere conto di queste oggettive mancanze non imputabili ai singoli Medici.

Nei successivi sintetici interventi, più tecnici, Divino, Taioli, Bristot e D’Agosta hanno illustrato l’evoluzione, lo stato attuale e gli obiettivi futuri del progetto.

L’adesione da parte dei MMG e PLS al SISS nelle varie ASL lombarde ha raggiunto percentuale variabili (migliori nelle ASL di Cremona, Lodi e Mantova); la nostra ASL si situa in una fascia intermedia con una percentuale di adesione intorno al 65% (pur con notevoli variazioni fra distretto e distretto).

L’invio della Carta Cittadino è in via di completamento in tutta la regione.

Entro la fine del 2006 le Aziende ospedaliere dovrebbero essere pronte a mettere a disposizione dei MMG e PLS aderenti al SISS i referti e le dimissioni.

Però è fondamentale, affinché il medico possa accedere a tali referti on-line, che il paziente abbia dato il proprio consenso al trattamento dei dati.

Stando alle statistiche presentate dalla dr.ssa Taioli, la percentuale di pazienti che dopo aver ricevuto la tessera magnetica hanno dato il loro consenso al trattamento dei dati sarebbe già al di sopra del 60%.

E’ importante sensibilizzare i pazienti sull’importanza del consenso: i referti dei pazienti che non hanno dato il consenso rimarranno per il loro MMG assolutamente invisibili. Già da ora neppure la notifica del ricovero viene più inviata al MMG se il paziente ricoverato non ha dato il proprio consenso alla gestione dei dati.

Al momento il data-base del SISS non è in grado di segnalare ai Medici i pazienti che hanno dato il consenso

Sono state poi affrontate le tematiche emerse a seguito del mancato allineamento fra le esenzioni registrate nel dominio centrale SISS e quelle in possesso dei singoli MMG. Le criticità riguardano essenzialmente le esenzioni ex 0008, per le quali l’aggiornamento deve necessariamente essere effettuato dallo sportello scelta/revoca di ogni singolo distretto.

Diversa la situazione relativa alla esenzione ex 031 poi A31. Per queste esenzioni la procedura (già indicata in comunicazioni che CRS-SISS ha inviato nelle settimane scorse ai Medici aderenti) da attuare è quella di controllare manualmente la corrispondenza fra l’esenzione registrata nei domini SISS (leggendola tramite la carta cittadino o interrogando, anche in assenza della carta cittadino, il data–base regionale) e nel caso di discordanza correggere l’esenzione registrata nella propria cartella clinica.

Le software-houses accreditate col SISS hanno promesso entro fine giugno una versione dei loro applicativi che dovrebbe automatizzare queste procedure e risolvere altre criticità (multiprescrizione in caso di coesistenza di esenzione per status ed esenzione per patologia).

Tenere presente che nel caso di non corrispondenza fra esenzione registrata nella nostra cartella clinica ed esenzione memorizzata nel dominio centrale la prescrizione verrà respinta dal sistema (e quindi non entrerà a far parte della percentuale di prescrizioni utili al fine del raggiungimento del fatidico 70%).

Tramite il pannello di controllo generale del SISS è possibile verificare gli esiti delle prescrizioni: quelle che risultano KO per motivi di esenzione rientrano per la maggior parte nei due suddetti gruppi.

Dalla vivace discussione, cui hanno partecipato molti Collegi presenti, sono emerse alcune richieste.

Innanzitutto si è chiesto che il conteggio del fatidico 70% sia calcolato su base annuale o almeno semestrale, essendo la base mensile troppo penalizzante in caso di inconvenienti tecnici.

A proposito di questi ultimi alcuni Colleghi hanno rilevato come negli ultimi mesi un Provider in particolare (causa il cambio di Network) non stia garantendo una adeguata connettività. Si lamentano ritardi (in alcuni casi anche di mesi) nella sostituzione o configurazione del router per il passaggio da Telecom ad Enter, frequenti quotidiane cadute di linea. E’ stato sollecitato un intervento presso questo Provider da parte degli organismi (LISIT, ASL), ma per questo è necessario che il disservizio sia segnalato ai referenti del progetto SISS.

Il MMG deve pretendere che in caso di inconvenienti tecnici il proprio Provider apra il cosiddetto Ticket (cioè una segnalazione di guasto, tracciabile da parte del SISS che diventerà una garanzia per il Medico).

E’ stato tuttavia sottolineato che ticket correttamente aperti anche molti mesi fa non hanno ancora ricevuto risposta.

Divino e Beghi hanno risposto che le spettanze pagate fino ad oggi (e per le quali l’ASL sarebbe intenzionata a procedere ad anticipi mensili) devono essere considerate acconti e che quindi tutte queste problematiche verranno valutate in sede di conguaglio.

Tutti i relatori hanno sottolineato la complessità del progetto SISS e le conseguenti difficoltà che devono essere risolte gradualmente.

                                                                                                             Marco Chicco

 


GIOVEDI' 18 MAGGIO 2006 ORE 21 PRESSO L'OSPEDALE SALVINI DI GARBAGNATE INCONTRO SU PROBLEMI TECNICI DEL SISS


 

10/04/2005

Come avrete senz'altro notato il conto delle spettanze per l'attività svolta col SISS è stato calcolato non tenendo conto dei periodi di inattività per problemi tecnici (non imputabili quindi al singolo Medico) e su base mensile. E' evidente che ciascuno di noi debba attivarsi nei confronti dell'ASL per ottenere il giusto riconoscimento economico del nostro lavoro e il rispetto dell'accordo sottoscritto fra ogni Medico e l'ASL.

18/03/2005

Con gli emolumenti di febbraio (pagamento di fine marzo) verrà pagato il primo acconto relativo alle attività legate al SISS.

Gli acconti sono stati calcolati analizzando le prescrizioni, della sola farmaceutica, per il semestre 1° Aprile2004 - 30 Settembre 2004.

Ai Medici che hanno raggiunto una percentuale di prescrizioni SISS rispetto al totale superiore al 70% verranno riconosciuti 3 € a paziente (esempio: Medico con 1450 pazienti = 1450x3/2 = 2175€). 

Ai Medici che hanno raggiunto una percentuale tra il 70 e il 50% verranno riconosciuti invece 2 € a paziente. 

Si tratta di un acconto per i primi sei mesi di attività SISS. Il saldo verrà versato in data da destinarsi (per ora non ci sono indicazioni precise).

A quanto mi risulta nel computo della percentuale non è stato tenuto conto di eventuali periodi di impossibilità di utilizzo del SISS per problematiche indipendenti dal Medico (ritardo nell'installazione, malfunzionamenti della postazione o del collegamento telefonico, rifiuto da parte del SISS delle multiprescrizioni, ecc.)

Sembra che questi aspetti saranno presi in considerazione per calcolare il saldo delle quote spettanti.

Considerando che si tratta di problematiche individuali che dovranno venir chiarite caso per caso, è importante che ciascun Medico cerchi di ricostruire la propria esperienza col SISS specificando il più precisamente possibile le interruzioni del servizio SISS cui è andato incontro. 

Rammento che spetta al Provider informare LISIT di qualsiasi problematica che renda impossibile l'utilizzo del sistema SISS. Questa comunicazione, prevista dai capitolati fra i vari soggetti interessati al SISS, serve anche a tutelare il Medico che si sia trovato nell'impossibilità di lavorare col SISS per motivi indipendenti dalla sua volontà. Importante perciò che al manifestarsi di inconvenienti (oggi sempre meno frequenti, in verità) il Medico ne faccia notifica (possibilmente via e-mail o via fax) al Provider.

I Colleghi penalizzati da questo calcolo, per far valere le loro ragioni, dovrebbero inviare agli uffici amministrativi dell'ASL  una lettera riportante questi dati:

Chi ha ricevuto acconti per un importo inferiore alle aspettative e lo desidera mi contatti per cercare una soluzione.

Nulla dovrebbe cambiare invece per quel che riguarda il pagamento da parte dell'ASL delle quote spettanti al Provider, che ci verranno accreditate dopo presentazione della fattura (come accaduto l'anno scorso).

 

 

A giorni i Medici del distretto 2 verranno contattati per sostituire la Carta operatore. Per ritirare ed attivare la nuova carta bisogna recarsi a Garbagnate (Rag. Meroni) provvisti di codice fiscale e documento di identità. Poichè le carte sono già disponibili ci si può accordare con la struttura di Garbagnate fin da ora (tel 02.994302553) per snellire la procedura.

                                                                    Marco Chicco  (cchicc@tin.it)